giardini verticali

Giardini Verticali

I giardini verticali sono fissati alla parete grazie a delle strutture in ferro che hanno una profondità di 0,50cm ca e dove passa un impianto di irrigazione. E' anche molto utile, ma non necessario, prevedere uno spazio per un gallone da 200L di acqua già concimata. Per evitare questa struttura e la manutenzione che ne consegue, ma avere comunque il vostro giardino verticale, cliccare QUI per vedere la diversa offerta di pareti verdi create grazie a foglie e verdure naturali stabilizzate (SOLO DA INTERNO).

*Le foto sono puramente indicative

Giardino verticale da interno

Giardino verticale da esterno pieno sole

Giardino verticale da esterno poco soleggiato

Giardino verticale da interno stabilizzato

Vendita Online Giardini Verticali

Giardini Verticali

Uno dei complementi di arredo, nonché delle passioni più in voga ultimamente sono i cosiddetti giardini verticali, composizioni di piante e fiori strutturate in verticale su una parete.

Consigli per creare una bellissima parete verde

I Giardini Verticali possono essere interamente creati da noi oppure si possono acquistare già pronti all'uso o progettati dagli esperti Flority Fair su misura per la vostra parete e con materiali di pregio che facciano durare la struttura nel tempo (considerare per grandi metrature la necessità di spazio adiacente al muro per adagiare un miscelatore a rilascio lento per i concimi).
Ecco una serie di pratici consigli per creare una parete verde semplice ma da far invidia a chiunque, originale e unica nel suo genere! Se li seguirete tutti alla lettera, e perché no, con qualche personale libera interpretazione, ottenere senza dubbio un risultato eccellente.

Rimarrete stupiti anche voi di aver creato dal nulla un angolino di verde dal nulla.
La prima cosa da fare per creare un vertical garden, o green wall , è pensare a dove volerlo tenere, se all'interno o all'esterno.
Ci sono accortezze da prendere in base alla collocazione scelta, come ad esempio, nel caso di giardino verticale fatto con piante vere che necessitano di irrigazione, evitare che il supporto della parete sia vicino a mobili o elementi deteriorabili con l’umidità derivante dalla irrigazione.
Inoltre se la parete scelta non è un vero e proprio muro, bisogna tenere in conto di non sovraccaricarla troppo, altrimenti potrebbe cedere a causa dell'eccessivo peso. Per ovviare ad entrambe queste casistiche si suggerisce piuttosto di indirizzare la propria scelta su una parete verde: leggera, senza manutenzione e di pari impatto.

Dove creare un giardino verticale?

Il punto in cui svilupperete il vostro giardino verticale deve essere facilmente raggiungibile per assicurare una corretta manutenzione e irrigazione delle piante ed agevolare le manovre di pulizia.
Inoltre, fondamentale è scegliere una posizione a contatto diretto con la luce naturale. L'esposizione a una fonte di luce è condizione essenziale e indispensabile per lo sviluppo delle piante di un giardino verticale.
Una volta scelto il luogo perfetto, non vi resta che decidere come strutturare il tutto: come già accennato, potete scegliere pareti già strutturate, dotate degli appositi alloggi per le piante; in commercio ce ne sono svariate, da quelle eco-friendly in materiale lanoso, a quelle più classiche in vetro.
In alternativa a ciò, si può optare per il fai da te e decidere di creare da zero la propria struttura, magari con materiali di riciclo.

Le pareti verdi “fai da te”

Un vecchio bancale come il pallet per esempio, può essere saggiamente dipinto e disposto in posizione verticale, fissato al muro e riempito di piccoli vasi di piantine nelle fessure tra un listello e l'altro.
Oppure si può dare una seconda vita a quella vecchia griglia di ferro arrugginito che giace da anni in garage inutilizzata, magari arricchirla di ganci appositi e appenderci tanti piccoli vasetti in vetro riempiti di terreno fresco e piantine colorate.
Et voilà. Il gioco è fatto!
Insomma, basta dare libero sfogo alla creatività per avere un piccolo angolino verde in casa. Anche la grandezza della fioriera verticale può variare: piccola e adatta ad essere appesa a porte o pareti, più grandi a ricoprire interi muri dell'abitazione o i pannelli grigliati in legno del giardino, ad esempio.

La scelta delle piante per i giardini verticali

Passiamo ora alla parte più delicata: le piante da inserire nel giardino verticale devono essere scelte con cura e in base alle proprie esigenze. Se si ha tempo e dedizione, si possono prendere un po' tutte le tipologie di piantine, purché non superino i 15/20 centimetri di altezza. Se invece non si è esperti pollici verdi e il tempo da dedicare loro scarseggia, allora meglio prediligere piante grasse, le quali necessitano di acqua settimanalmente e non quotidianamente.
Ottime anche le piante rampicanti, le quali creano bellissimi effetti occupando ogni spazio a loro disposizione e, soprattutto, fanno tutto da sole!
Creeranno magnifici composizioni senza che voi ve ne preoccupiate troppo.
Se invece ciò che avete in mente è una bella parete colorata di divertenti fiorellini, è bene seguire una linea guida per mantenere un equilibrio cromatico tra struttura e natura.

Un'esplosione di colori può essere un ottimo diversivo per una casa basica o troppo minimalista.
Per quanto concerne la manutenzione necessaria, si consiglia di optare per un sistema di irrigazione pratico in base alla struttura scelta: a pompa o elettrico, per interni o per esterni. Altrimenti, il buon vecchio annaffiatoio vi verrà in soccorso se non volete spendere troppo.
Ma attenzione a mantenere sempre il terreno fresco e a sostituire all'occorrenza le piante secche. Non dimenticare che questi muri vegetali e/o floreali possono diventare veri e propri complementi di arredo, se ben curati e organizzati ma che il lavoro e la manutenzione saranno una costante più che necessaria e fondamentale per una buona riuscita. Flority Fair si occupa anche di questo tipo di manutenzioni a prescindere dall’aver o meno creato noi la struttura del giardino verticale in origine.
Le piante renderanno l'abitazione più originale ma sopratutto rilassante. I vertical gardens possono dunque fare la differenza, ma il concetto base è che sono pur sempre vere e proprie serre, seppur in miniatura, e, come tali, vanno curate e seguite con costanza e dedizione.
Sono comunque delle piante, anche se non sono nel classico vaso in terra all'angolo del balcone. E chissà che anche il più incallito dei pollici neri veda uno spiraglio di verde speranza, tanto per restare in tema. Infine, il consiglio più importante di tutti: sperimentare, creare, divertirsi. Provare per credere.